La cannella è una spezia comunemente utilizzata nella cucina italiana ed è facilmente distinguibile per il suo colore che va dal nocciola al rosso-bruno e per il caratteristico profumo.
Oggi viene utilizzata prevalentemente per la preparazione di dolci ma anche per insaporire piatti salati come pasta o riso, pesce, carne o torte salate. Il suo bastoncino può essere aggiunto alla cioccolata calda per regalare un sapore più particolare e può essere usato come alternativa ai conservanti alimentari tradizionali. È molto diffusa anche nelle bevande, come vin brûlé, sangria, liquori e punch.


Ma quali sono i benefici di questa spezia?


Per la sua particolare composizione, alla cannella sono state attribuite diverse proprietà benefiche. Sembra infatti in grado di:


 migliorare la digestione, riducendo in particolare flatulenza e disturbi digestivi.
 aiutare l’intestino, essendo una buona fonte di fibre e micronutrienti.
 controllare i livelli di zuccheri nel sangue e quindi di ridurre gli attacchi di fame (grazie al controllo della glicemia e al rallentamento della velocità di svuotamento gastrico) e la voglia di dolci, aiutando a mantenere il peso corporeo nella norma.
 combattere e prevenire le infezioni, soprattutto fungine e batteriche, per la sua attività antimicrobica. 
 combattere i malanni di stagione da raffreddamento;
 esercitare un’attività antiinfiammatoria e antiossidante, grazie ai componenti di cui è costituita.
 contrastare odori cattivi della cavità orale (condizioni di alitosi).

Tuttavia, dobbiamo fare attenzione perché, come sempre, parlare di alimenti in termini di terapia è difficile oltre che in parte sbagliato. La cannella come tante altre spezie contiene delle sostanze che sono potenzialmente benefiche per il nostro organismo, tuttavia non è un alimento miracoloso ed è sempre bene non abusarne né tanto meno utilizzarla, di propria iniziativa, come “terapia” per qualche particolare condizione soprattutto laddove è necessaria l’assunzione di farmaci. Questo non significa che i benefici attribuiti alle spezie siano falsi.
Assumere in modo equilibrato la cannella, anche solo per insaporire gli alimenti, non comporta alcuna controindicazione (salvo casi particolari dove è importante l’indicazione medica); ma ciò che è ancora più importante è inserirla in modo consapevole all’interno di un’alimentazione
equilibrata ed essere consapevoli che non è la singola sostanza ad avere effetti miracolosi.

Spesso alcuni alimenti si presentano come la panacea di tutti i mali, ma è solo attraverso una dieta varia e salutare e un corretto stile di vita che riusciamo a mettere il nostro organismo in condizione di ricavare il meglio dagli alimenti che assumiamo.

 

Bibliografia ed approfondimenti:

Khan A, Safdar M, Ali Khan MM, Khattak KN, Anderson RA. Cinnamon improves glucose and lipids of people with type 2 diabetes. Diabetes Care. 2003; 26(12): 3215-3218

Baker WL, Gutierrez-Williams G, White CM, Kluger J, Coleman CI. Effect of cinnamon on glucose control and lipid parameters. Diabetes Care. 2008; 31(1): 41-43

Davis PA, Yokoyama W. Cinnamon intake lowers fasting blood glucose: meta-analysis. [Sintesi] Journal of Medicinal Food. 2011; 14(9): 884-889

Allen RW, Schwartzman E, Baker WL, Coleman CI, Phung OJ. Cinnamon use in type 2 diabetes: an updated systematic review and meta-analysis. Annals of Family Medicine. 2013; 11(5): 452-459

Ranasinghe P, Jayawardana R, Galappaththy P, Constantine GR, de Vas GN, Katulanda P. Efficacy and safety of “true” cinnamon (Cinnamomum zeylanicum) as a pharmaceutical agent in diabetes: a systematic review and meta-analysis. Diabetic Medicine. 2012; 29(12): 1480–1492

Talaei B, Amouzegar A, Sahranavard S, Hedayati M, Mirmiran P, Azizi F. Effects of cinnamon consumption on glycemic indicators, advanced glycation end products, and antioxidant status in type 2 diabetic patients. Nutrients. 2017; 9(9): 991

United States Department of Agriculture – Agricultural Research Service (USDA). USDA Food Composition Database (Inglese)

Share This