Il segreto della cucina buona e sana è saper preparare i cibi, preservandone le proprietà organolettiche e il valore nutritivo. Se questo vale per qualsiasi cosa, per le verdure è davvero importantissimo. Gli ortaggi, infatti, non sono dei semplici contorni, ma piuttosto degli ingredienti preziosi in grado di donare il giusto equilibrio al pasto.

Però, finché parliamo di verdura cruda va tutto bene… quando si tratta di quella cotta finiamo per fare sempre le stesse cose, un po’ per mancanza di idee, un po’ per delle convinzioni sbagliate che ci portiamo dietro. Ad esempio, capita anche a voi di pensare alla cottura al vapore e associarla inevitabilmente ad una preparazione da ospedale? Eppure, può essere una scoperta.

La cottura al vapore è una cottura delicata, che permette di rendere le verdure morbide e tenere, senza alterarne le proprietà nutritive e il contenuto di vitamine e sali minerali. È la cottura perfetta per la preparazione di purè, vellutate, impasti o polpette.

Per renderle più gustose, basta sperimentare un po’ e arricchirle durante la cottura. Ad esempio, aggiungendo nell’acqua delle erbe aromatiche (timo, basilico, origano, salvia, rosmarino) o delle spezie (curcuma, cumino, paprika, curry). Oppure, ripassandole velocemente in padella con un buon olio extravergine di oliva, frutta secca o pesti fatti in casa.

Sicuramente non esiste una formula magica, ma a volte con una vaporiera (in bambù oppure in acciaio -meglio evitare la plastica-) e un po’ di fantasia possiamo costruire un piatto sano e assolutamente invitante.

 

Bibliografia ed approfondimenti:

Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN). Linee Guida per una sana alimentazione italiana

Share This